Modifica art. 99 D.Lgs. 81/2008 – Notifica preliminare

La Legge 01/12/2018 n. 132, conversione del c.d. Decreto Sicurezza, ha apportato modifiche all’art. 99 del D.Lgs. 81/2008 di cui si riporta il testo aggiornato. La modifica  prevede l’invio della notifica preliminare, anche al Prefetto, solo in caso di lavori pubblici.

Art. 99 – Notifica Preliminare

1. Il committente  o il responsabile dei lavori, prima dell’inizio dei lavori, trasmette all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro nonché, limitatamente ai lavori pubblici, al prefetto territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all’allegato XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi:(alinea così modificato dall’art. 26 della legge n. 132 del 2018)

a) cantieri di cui all’art. 90, comma 3;

b) cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla lettera a) per effetto di varianti sopravvenute in corso d’opera;

c) cantieri in cui opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno;

2. Copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodia a disposizione dell’organo di vigilanza territorialmente competente .

3. Gli organismi paritetici istituiti nel settore delle costruzioni in attuazione dell’articolo 51 possono chieder copia dei dati relativi alle notifiche preliminari presso gli organi di vigilanza.

(il testo ufficiale resta comunque quello pubblicato in gazzetta ufficiale)

Nucleo dei Geometri di Gallarate – Convocazione Assemblea Ordinaria – 13/12/2018

Nella sezione “Nucleo di zona – Nucleo di Gallarate” è riportata la convocazione dell’Assemblea Ordinaria che si terrà giovedì 13 dicembre 2018.

info heading

info content

Comune di Buguggiate

Nella sezione “Avvisi di Pubblica Amministrazione” è riportata la comunicazione del Comune di Buguggiate in merito alla Variante al Piano delle Regole, al Piano dei servizi e conseguente coerenziazione degli elaborati del documento di piano interessati dalla variante del PGT, con procedimento di verifica di assoggettabilità VAS della variante suddetta..

Raccolta fondi

La notizia dell’uccisione del collega Marco Carlo Massano del Collegio Geometri e Geometri Laureati di Asti, avvenuta mentre svolgeva un incarico affidatogli dal Tribunale, ha colpito profondamente tutta la categoria dei geometri, rendendola partecipe al dolore e volenterosa nel poter dare un aiuto concreto alla famiglia Massano.

Per questo si segnala volentieri a tutti gli iscritti del Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Varese che il Collegio Geometri e G.L. di Asti si è subito attivato, aprendo un c/c bancario per raccogliere fondi a favore della famiglia del collega.

Per chi volesse partecipare alla raccolta fondi troverà di seguito i dati del c/c dedicato, mentre chi volesse avere ulteriori informazioni può contattare il Collegio Geometri di Asti ai seguenti recapiti:

BANCA REALE Spa IBAN IT 43 B 03138 01100 000018117838

Collegio Geometri e Geometri Laureati di Asti – email: info@geometri.asti.it – tel. 0141.353094

Agenzia Entrate – Direzione Provinciale di Varese – Ufficio Provinciale Territorio – Chiusura servizio URP periodo festività natalizie

Dal 27 dicembre 2018 al 3 gennaio 2019 verrà sospeso il servizio URP dedicato ai Professionisti.

Resta inteso che qualsiasi problematica sarà esaminata dal Responsabile in servizio.

Nucleo di Luino – Convocazione Assemblea Ordinaria 14/12/2018

Nella sezione “Nuclei di zona – Nucleo di Luino” è riportata la convocazione dell’Assemblea Ordinaria del Nucleo di Luino e zona che si terrà venerdì 14 dicembre 2018.

Comune di Cassano Magnago – Conferenza finale VAS

Nella sezione “Avvisi di Pubblica Amministrazione” è riportata la comunicazione del Comune di Cassano Magnago in merito alla Conferenza Finale per la Valutazione Ambientale Strategica.

Avviso di selezione per designazione componenti il Consiglio Territoriale di Disciplina – Rinnovo

Con riferimento all’art. 8 del D.P.R. 07/08/2012 n. 137 relativo alla riforma degli ordinamenti professionali, ed in particolare al regolamento concernente i criteri e le modalità di designazione dei componenti i Consigli di Disciplina dei Geometri e Geometri Laureati adottato dal CNG e GL in data 19/11/2012 e la relativa pubblicazione sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia avvenuta il 15/12/2012, il Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Varese ha indetto avviso pubblico di selezione per attivazione della procedura di selezione e designazione dei nominativi dei componenti il Consiglio Territoriale di Disciplina del Collegio Geometri e Geometri Laureati di Varese da rinnovare in seguito alle elezioni del Consiglio Direttivo svoltesi nello scorso settembre.

Pertanto tutti gli interessati in possesso dei requisiti elencati nell’avviso dovranno trasmettere la propria candidatura e curriculum vitae entro il 30 novembre 2018 tramite raccomandata (Collegio Geometri e Geometri Laureati di Varese – via San Michele 2/b – 21100 Varese) oppure PEC (collegio.varese@geopec.it) o mediante consegna al protocollo del Collegio Geometri e Geometri Laureati di Varese.

 Avviso Selezione Commissione Disciplina 2018_2022

 Candidatura

 Curriculum Vitae Europeo

Convenzione CNGeGL e Croce Rossa Italiana – Riapertura termini

Sono stati riaperti i termini relativi alla convenzione stipulata tra il CNG e GL e la Croce Rossa Italiana.

Gli interessati potranno restituire il modulo debitamente compilato, contenuto nella convenzione sotto riportata, tramite email (sede@collegio.geometri.va.it) al più presto e comunque non oltre il 31 dicembre 2018 al fine di trasmettere il tutto al CNG e GL.

 Convenzione CNG e GL_Croce Rossa Italiana

Cantieri: la notifica preliminare va anche al Prefetto

L’Associazione Nazionale Donne Geometra, con news letter del 17/10/2018 informa:

Il Decreto 4/10/2018, n. 113 che prevede le “Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell’Interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, in Gazzetta Ufficiale n. 231 del 4/10/2018 prevede la notifica preliminare, che il committente  o il responsabile dei lavori è tenuto a trasmettere all’Asl e alla Direzione provinciale del lavoro prima dell’inizio dei lavori, ova va inviata anche al prefetto. Le novità – che dunque riguarda le misure relative alla sicurezza nei cantieri temporanei e mobili – è contenuta nel decreto cosiddetto “Sicurezza” pubblicato nella “Gazzetta Ufficiale” del 4 ottobre e già in vigore. Il Dl, in particolare, va a modificare l’articolo 99 del “testo unico” sulla sicurezza, ossia il Dlgs 81 del 2008.

Protezione internazionale, immigrazione, sicurezza pubblica: sono i principali temi trattati nel provvedimento, che, però, contiene anche misure di interesse per l’edilizia. Tra queste, oltre al nuovo onere legato alla trasmissione della notifica preliminare, vi è anche l’introduzione di pene più severe per i subappalti illeciti.

Sono stati innalzati i tempi di reclusione per chi, avendo in appalto opere riguardanti la pubblica amministrazione, concede in subappalto o a cottimo, in tutto o in parte, le opere stesse, senza l’autorizzazione dell’autorità competente. Per i subappalti illeciti, la legge (la numero 646 del 1982) prevedeva l’arresto da sei mesi ad un anno, con le modifiche appena apportate dal decreto “Sicurezza”, i tempi di reclusione variano da uno a cinque anni. Resta immutata l’entità della multa, “non inferiore ad un terzo del valore dell’opera concessa in subappalto o a cottimo e non superiore ad un terzo del valore complessivo dell’opera ricevuta in appalto”.

Inasprimento della pena anche nei confronti del subappaltatore e dell’affidatario del cottimo: in caso di illecito, oltre alla multa pari ad un terzo del valore dell’opera ricevuta in subappalto o in cottimo, si rischia anche la reclusione da uno a cinque anni (la Legge 646 del 1982 anche in questo caso prevedeva l’arresto da sei mesi ad un anno).

 DL 4 ottobre-2018-n. 113

Web Agency: Wonderarts | Privacy Policy